NIHILISTIC MILITARY HISTORY MIROKU (OAV)

Titolo originale: Kyomu senshi Miroku
Traduzione titolo: Cronache del nulla: Miroku
Anno: 1986
Regia: Yoshio Takeuchi
Sceneggiatura: Hideo Takayashiki
Studio: Animate Film

Violenza:

Sesso:

Trama:
Dopo il celebre periodo di guerre intestine chiamato Sengoku il Giappone era pronto per essere governato dalla dinastia Tokugawa. Il massimo esponente della famiglia Tokugawa, Ieyasu Tokugawa, per assicurarsi la massima tranquillità fa decapitare un suo potente rivale, Yukimura la cui testa viene trasportata allo shogun direttamente dal ninja Hattori Hanzo. Tuttavia Yukimura è un essere potentissimo la cui testa può vivere indipendentemente dalla propria ubicazione. Una volta scappato, infatti, il mostro si rintana in un luogo segreto dove si dedica a rigenerare il proprio corpo tramite sangue di vittime innocenti, aiutato dai suoi molteplici generali ninja. La famiglia di ninja Kuryu si muove per impedire che il potente essere malvagio si impossessi di un potere infinito e sveglia il drago distruttore della terra. Il massimo esponente della famiglia Kuryu è Miroku, un ninja abilissimo che non teme nulla. La sua sarà una vera e propria odissea poichè Yukimura è circondato da ninja potenti e abilissimi.

CLICCA SUI VIDEO PER GUARDARE GLI EPISODI COMPLETI


Return of King Kuga! OVA 1


Kuryu vs Sanada: Fight to the Death! OVA 2


The Chosen One! OAV 3


A New Battle! OAV 4


Kuryu Fortress in Flames! OVA 5


Road To The Stars Finale! OAV 6

AUDIO:  SUB: 

Recensione serie oav:
Nihilistic
(o Nothingless) Military History Miroku è una serie di 6 puntate tratta da un manga di Ken Ishikawa, famoso per essere il co-autore (assieme a Go Nagai) di Getter Robot (in italia Space Robot). Fa parte di un lunghissimo lavoro chiamato Kyomu Senki (tradotto sarebbe come dire “Cronache del niente”) che si avvale di numerose sotto-opere, il manga da cui è tratto questo anime si compone di 6 volumi ed è uscito tra il 1988 e il 1990. Dato che si tratta di una serie la probabilità di dilungarmi troppo è alta e quindi preferisco passare ad un tipo di recensione più schematica valutando secondo me quali sono i pregi e i difetti di questo anime. I pregi che ho trovato sono almeno 3. Il primo è sicuramente l’ immaginario mistico che coniuga singolarmente ma abilmente feudalesimo giapponese, ninja, tecniche segrete, dragoni, demoni, spettri e mecha-desing, alieni, cyborg, astronavi da guerra e mutanti, il tutto condito con una salsa alquanto gore che sicuramente il sottoscritto non disdegna (ricorda per questo aspetto l’ opera del maestro Go Nagai Il Leone Nero). Il secondo pregio è sicuramente la musica, una colonna sonora scelta ottimamente e davvero coinvolgente, sia quella di ambiente che la canzone di apertura. Il terzo pregio è sicuramente l’ effetto nostalgia che emana questo anime, sia lo stile del disegno che le tematiche, che gli “effetti speciali” sono assolutamente anni ’80, addirittura c’è spazio per un cyborg-demone, più anni ’80 di così!? Parliamo ora dei difetti. Sicuramente una cosa che lascia l’ amaro in bocca è la trama e lo svolgimento di essa, davvero davvero banale e scontata.  Tant’è che a metà della serie le idee erano talmente finite che pare che la storia riparta di nuovo nella stessa maniera! Non dico di pretendere districamenti cervellotici alla Death Note o alla I Fiori Del Male, ma almeno un minimo di thrilling... I dialoghi ahimè risentono anch’ essi di una banalità abnorme e sembrano fotocopiati da film di samurai dozzinali con i soliti schemi del tipo “Io sono …. del clan ….. e preparati a combattere” risposta “Io sono ….. del clan …. fatti avanti” breve scontro “Hahaha i tuoi colpi non mi fanno niente, preparati a morire” buono che soccombe temporaneamente e il cattivo dice “Co-cosa sta succedendo?” buono che ha la meglio, buono che dà colpo di grazia con nome del cattivo pronunciato ad alta voce e un bel “Muori!” per chiudere in bellezza. Questo e dei personaggi super banali danno proprio l’ idea di un manga usa e getta, uno di quelli richiesti dalle case editrice giusto per riempire qualche pagina vuota. Cosa molto facile nei tempi del boom del fumetto di cyber-azione nipponico dove il mercato era saturato da pagine e pagine di qualsiasi cosa. Diciamo che questi difetti sono sopportabilissimi in quanto la serie dura solamente 6 episodi. Tirando le somme vale la pena ripescare questa perla perduta di sapore vintage, in questo mare di banalità che sono gli anime moderni invasi di lolite anti-sexy e teenagers complessati.

Reperibilità:

Consigliato a: chi adora la folle commistione di fantasy e sci-fi
Sconsigliato a: chi cerca qualcosa di serio e filosofico

Lascia un commento