GUNHED

Titolo originale: Ganheddo / ガンヘッド
Traduzione titolo: Gunhead
Anno: 1989
Regia: Masato Harada
Sceneggiatura: Jim Bannon, Masato Harada
Cast:
Masahiro Takashima, Brenda Bakke, James Brewster Thompson


Violenza:

Sesso:


Trama:
In un mondo futuristico i supercomputer, alimentati dal potentissimo elemento Texmexium, tenteranno di eliminare la razza umana considerata obsoleta ed inutile. Una guerra tra super robot chiamati Gunhed fermerà il progetto di sterminio. Dopo molti anni, nel 2038, un gruppo di banditi si introduce nella super struttura chiamata Kryon-5 per trafugare elementi ormai preziosi come parti meccaniche e chip dalle carcasse dei Gunhead. Le trappole mortali di Kryon-5 metteranno a dura prova l’equipaggio di fuorilegge. Alla missione si aggiungeranno un ranger (Brenda Bakke) e due bambini (Kaori Mizushima e Eugene Harada) che guideranno Brooklyn (Masahiro Takashima), il meccanico del gruppo, verso il suo cammino di eroe.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

AUDIO: SUB:

GALLERIA:

Recensione film:
Come spiegato chiaramente nel documentario / anime / film dello studio Gainax Otaku No Video, alla fine degli anni ’80 il Giappone ha vissuto un vero e proprio boom di quella che si può chiamare mecha-mania. I vecchi anime non erano tanto più apprezzati e i giovani otaku andavano pazzi per i robottoni pieni di cannoni spara laser. Veri e propri brand venivano creati e venduti sotto forma di videogiochi, manga, anime, film e soprattutto modellini 3D smontabili e rimontabili. Gunhed è il classico esempio di film che viene commercializzato poi sotto forma di manga (da Kia Asamiya) e introdotto in vari videogiochi usciti anche in Nord America. Lasciamo stare per un attimo quello che accade in Giappone e pensiamo a casa nostra. Che cosa può rappresentare Gunhead per noi occidentali? E’ un film di azione con contaminazioni cyberpunk che per un’ occidentale suonerebbe come: Ci sono dei guerrieri vestiti come le truppe di Aliens: Scontro Finale (1986) che si introducono in una struttura angusta e si trovano ad avare a che fare con una sorta di Predator (1987) con un commento musicale a metà tra la colonna sonora di Tetsuo: Iron Man (1989) e Akira (1988). A qualcuno questo film può suscitare una grossa ilarità poichè spesso gli effetti speciali ricordano molto quelli usati nella nota serie Power Ranger, ma vi assicuro che la tradizione è più quella dei film kaiju, ovvero quella dei mostri giganti cominciata dal celebre Godzilla. E proprio il bestione chiamato Godzilla tocca di striscio (forse con la coda?) questo film poichè l’intenzione iniziare della Toho era un film con Godizlla contro dei mecha-robot giganti (idea in realtà già ricalcata nel film  Godzilla contro i robot del 1974) ma alla fine si optò per il bellissimo Godzilla contro Biollante. Non posso evitare di sottolineare la curiosa e unica caratteristia di questo film, ovvero essere interamente parlato sia in inglese che in giapponese! Un’ approccio senz’ altro voluto per dare un tocco di internazionalità al prodotto, che lo rende però estremamente bizzarro e singolare. Per concludere reputo questo film molto divertente soprattutto se siete appassionati di fantascienza cyberpunk, i dialoghi sono un po’ banalotti ma funzionali alle scene di azione ben girate in un susseguirsi di situazioni anche un po’ senza senso, giusto per mettere qualche raggio laser di qua e qualche esplosione di là. Meglio di quanto vi possiate aspettare da un B-movie di questo tipo!


Home video:  
ADV Films (DVD) Toho Company (VHS) Toho Video (DVD) VPS Film-Entertainment GmbH (all media)
Reperibilità:


Consigliato a:
appassionati di mecha-desing, appassionati di cyberpunk
Sconsigliato a: chi cerca la benchè minima traccia di sesso